Il periodo post parto può rappresentare un momento non facile per tutta la famiglia. Gli sbalzi d’umore all’interno della casa possono essere all’ordine del giorno ed è importante affrontarli con la massima serenità per cercare di superare il periodo al meglio. Il tempo a disposizione da dedicare alle faccende casalinghe diminuirà in maniera decisa ed è importante essere pronti a collaborare nella miglior maniera possibile. Andremo a vedere come cercare di passare al meglio le difficoltà e di come poter essere d’aiuto a tutto il resto della famiglia.

Neopapà, i consigli su come vivere il post parto

La nascita di un figlio è l’evento più emozionante nella vita di una mamma ed un papà ma non bisogna sottovalutare il rischio di vivere momenti di tensione e nervosismo dopo l’arrivo del neonato. Ansie, paure, preoccupazioni e momenti di rabbia possono accompagnare i primi mesi dopo la nascita del bambino. Per cercare di evitare un periodo di stress è molto importante avere un dialogo ed un confronto continuo con la propria compagna per affrontare passo dopo passo i problemi che si presentano. Accettare l’aiuto di parenti è sicuramente consigliato, così come un confronto con altre famiglie che passano questo momento può essere d’aiuto. Fondamentale non dimenticarsi di se stessi e cercare di avere del tempo da dedicare al proprio benessere fisico e psicologico. Passare quanto più tempo con il vostro bambino vi aiuterà ad aumentare l’intesa con il piccolo aumentando la tua fiducia nel nuovo ruolo di papà.

LEGGI ANCHE >>> CAMBIO DEL PANNOLINO, LA GUIDA PER I PAPA’

Post parto, come un papà può aiutare la mamma

Oltre a salvaguardare la propria salute fisica e psicologica, il compito di un papà è quello di aiutare la mamma ad affrontare un periodo di continui sbalzi di umore e spesso anche di sofferenze dal punto di vista fisico. Essere d’aiuto in maniera pratica può facilitare la vita quotidiana all’interno della casa. Sostituirla in alcuni compiti casalinghi e non le renderà la vita più semplice e contribuirà a diminuire il suo stress e tutto quello della famiglia. Essere d’aiuto nei compiti domestici sarà molto apprezzato, così come nel cambio del pannolino del piccolo o tutto quello che riguarda la vita del neonato. Un aspetto da non trascurare è quello dell’alimentazione, fondamentale anche per quello che riguarda l’allattamento del bambino. Accertarsi che la propria compagna abbia una dieta sana e regolare aiuterà sia il suo umore che la crescita regolare del piccolo. L’aiuto da fornire nei confronti della propria compagna è però anche morale e psicologico.

LEGGI ANCHE >>> COME AIUTARE UNA DONNA DURANTE L’ALLATTAMENTO

Aiuto psicologico alla propria compagna dopo il parto

Non sono poche le donne che nel periodo post parto vivono un periodo di depressione o difficoltà. Un aiuto concreto da parte dei neopapà può arrivare sia dal punto di vista morale che psicologico. Cercare di regalare sempre un sorriso può fare tanto, così come essere sempre a disposizione per cercare di ascoltare le paure o le preoccupazioni della neo mamma. Nonostante il tempo a disposizione per tutti sia radicalmente diminuito, va incoraggiata la propria compagna a prendere del tempo per se stessa. Non mancheranno dei momenti di confronto molto duri tra voi due ma è buona norma avere la pazienza e calma di ascoltare il suo punto di vista ed esporre il proprio senza dover arrivare ad uno scontro. Quando si percepisce rabbia da parte della propria compagna va invitata a farvi dire come potete essere d’aiuto e, se non doveste ricevere risposta, darle qualche suggerimento in merito.

Conclusioni

Quello che vi aspetta è senza dubbio il periodo più emozionante della vostra vita ma è importante che siate coscienti di essere di fronte ad un periodo che può nascondere insidie. Essere pronti ad affrontarlo con la giusta predisposizione dal punto di vista fisico e mentale aiuterà voi e la vostra famiglia a viverlo nel migliore dei modi. La collaborazione nella coppia in queste settimane sarà fondamentale per rendere il più serena possibile la crescita del neonato.